NEWS

manifesto intrecci 2017 piccolo

NEXUS STUDIO

Laboratorio Arti Sceniche 

   INTRECCI D’ESTATE  2017 – V EDIZIONE

 Direzione Artistica Gisella Marilli e Eleonora Cappelletti 

Dopo il successo delle passate edizioni, quest’anno Intrecci d’Estate, apre il ventaglio dei suoi spettacoli su due location diverse a Sesto Fiorentino: per la prima volta a Villa San Lorenzo al Prato, e ancora a villa Gerini. L’obiettivo della rassegna è proprio quello di INTRECCIARE  storie, teatro, danza, artisti, collaborazioni, in luoghi storici e suggestivi per  un’estate “spettacolare”.

 

Villa San Lorenzo al Prato

Via Scardassieri, 47- Sesto Fiorentino

PROGRAMMA:

21-22  GIUGNO – ore 21.30

PROFUMO

ispirato al celebre romanzo “Il Profumo” di Suskind

riduzione e adattamento Gisella Marilli

Coreografie e Regia di Antimo Lomonaco

Produzione Nexus Studio

in collaborazione con MAD, ASD Fenice, Accademia Danza Città di Scandicci

Nasce dall’idea del coreografo Antimo Lomonaco di raccontare attraverso la danza una storia che si svolge nel “fugace regno degli odori”. Come il romanzo si snoda in una scrittura ricca di particolarissime descrizioni degli odori, ecco che le infinite sfumature di armoniosi corpi danzanti sono capaci di esprimere la percezione olfattiva: una grande sfida.

Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell’apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l’aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c’è modo di opporvisi. Il progetto è realizzato dal connubio della danza con il teatro, proprio dell ‘imprinting Nexus Studio, e mette insieme un cast di interpreti di provenienze diverse sul territorio, sotto la guida ideatrice, coreografica e registica di A. Lomonaco.

Interpreti: Lorenzo Guerrini, Tiziana Ruoli, Eleonora Fuzzi, Chiara Casiraghi, Marta Guarducci, Sara Guarducci, Valentina Vinci, Martina Pascià, Chiara Pinzauti, Gaia Magini, Chiara Carasso, Noemi Celli, Marta Bani, Elisa Manetti, Zuele Narcisi, Martina Buonagurelli, Teresa Cambi, Marta Muscarella, Martina Tagliaferri, Marcello Sbigoli.

Assistente alle coreografie    Barbara Vignolini

Progetto luci     Andrea Ruoli

———————————————————————————————–

Villa Gerini di Colonnata

Viale XX Settembre, 221 – Sesto Fiorentino

PROGRAMMA:

26-27-28-29-30  GIUGNO

ore 21.00

LA CANTATRICE CALVA

di Eugène Ionesco

 Regia Riccardo Giannini

con: Claudia Fossi, Riccardo Giannini, Marina Melani, Simone Marzola, Marcello Sbigoli, Valentina Testoni

Produzione Magnoprog

“Interno borghese inglese, con poltrone inglesi. Serata inglese. Il signor Smith, inglese, nella sua poltrona e nelle sue pantofole inglesi, fuma la sua pipa inglese e legge un giornale inglese accanto a un fuoco inglese. Porta occhiali inglesi; ha baffetti grigi, inglesi. Vicino a lui, in un’altra poltrona inglese, la signora Smith, inglese, rammenda un paio di calze inglesi. Lungo silenzio inglese. La pendola inglese batte diciassette colpi inglesi. “Un classico del teatro dell’assurdo, di Eugène Ionesco, riletto dalla regia pirotecnica di Riccardo Giannini.

effetti sonori Marco Fallani, musiche Michelangelo Zorzit, scene Gianni Calosi

costumi Niccoló Gabbrielli, luci Nicola Magnini

_____

ore  22.30

IL FANTASMA DI CANTERVILLE

di Oscar Wilde

Adattamento e regia di Ciro Masella.

con Giada Medicheschi

Produzione Nexus Studio

Il fantasma di Canterville è forse il racconto più famoso di Oscar Wilde, sicuramente il più divertente per l’insolita accoppiata di humour e horror. Narra le vicende della rumorosa e numerosa famiglia Otis, americana, alle prese con l’aristocratica presenza di un fantasma inglese: l’ombra di Sir Simon de Canterville, antico proprietario del maniero da loro acquistato. Accompagnati da una serie di personaggi strampalati, improbabili e molto divertenti, tutti evocati da una misteriosissima e ambigua guida, una sorta di Virgilio al femminile, gli spettatori potranno addentrarsi nei misteri e negli anfratti segreti di Villa Gerini, alla ricerca del fantasma che, forse, anche qui non ha mai smesso di abitare stanze e saloni, corridoi e giardini, e di ordire buffi e orrorifici dispetti.

________

3-4-5-6-7   LUGLIO – ore 21.00

LE ZIE

di Laura Sicignano 

Regia Riccardo Giannini

con: Anastasia Ciullini, Malvina Ficai Veltroni, Claudia Fossi, Eleonora Fuzzi, Diana Volpe.

Costumi Niccolò Gabbrielli

Produzione Nexus Studio

Sono le  figlie del sovrano, vissute alla corte di Versailles, che, dimenticate dalla storia, si vendicano dell’oblio del tempo e tornano con prepotenza alla ribalta per raccontare la loro verità, che parla di intrighi, gelosie e lotte di potere al tramonto del regno di Luigi XV. Le “zie”. Su di loro incombe implacabile l’ombra della Rivoluzione. “ E’ lo spaccato di un’ epoca, un Settecento decadente e di facciata, apparentemente razionale, dietro cui si nascondono i mostri”( Laura Sicignano). Ambiguità e mistero anche nell’interpretazione registica di Riccardo Giannini, che non delinea mai il confine tra finzione e verità.

_______

ore  22.30 

 NIKOLA TESLA IL FIGLIO DELLA TEMPESTA

di e con Duccio Raffaelli

Chi era Nikola Tesla? Per rispondere a questa domanda basterebbe semplicemente accendere il proprio computer, digitare il suo nome su di un qualunque motore di ricerca ed aspettare che si visualizzino immagini e notizie relative a questo singolare personaggio vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX Secolo. La cosa a noi quasi del tutto ignara è che il merito di molte di queste operazioni va a lui, Nikola Tesla. Un uomo che ha dedicato ogni momento della sua vita nel tentativo di migliorare l’esistenza altrui. Un filosofo, un inventore, uno scienziato. Potremmo considerarlo come un buon padre che ci ha regalato la luce…

La scienza non è nient’altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell’umanità.” (Nikola Tesla). La corrente alternata (l’energia elettrica attualmente in uso) e tante altre delle sue invenzioni hanno profondamente influenzato la nostra vita : tv, radio, neon e tante altre scoperte poi attribuite ai protagonisti dei libri di scuola.

Purtroppo le sue idee rivoluzionarie ei suoi ideali lo hanno messo al bando, ma fortunatamente negli ultimi anni sono riemersi molti dei suoi studi, progetti ed invenzioni.

C’è chi non lo ha mai sentito nominare, chi invece lo paragona a Leonardo Da Vinci. Qualcun altro lo considera semplicemente il genio che ha inventato il XX secolo.

______

10-11-12-13-14   LUGLIO – ore 21.30   

VIRGINIA CHE FECE L’ITALIA

Storia di una vestaglia nascosta in un vessillo

di Elena Miranda

da un’idea di Alessandro Ciccarese.

Regia  di Gabriele Giaffreda

aiuto-regia Ginevra Razzoli

Produzione Nexus Studio

con Luisa Cattaneo, Duccio Baroni, Neri Batisti, Eugenio Nocciolini,

Anna Serena, Martina Vianovi

e con Daniele Basile, Sara Buonadosa, Giada Ciabini, Michela Mugelli, Claudia Nasuto, Lorenzo Lisi, Luca Vivaldi

1855 – L’ imperatore Napoleone III di Francia d’improvviso si scopre molto sensibile alla causa italiana per l’indipendenza dal nemico austriaco, fino al punto di divenirne apertamente sostenitore con plauso del Regno di Sardegna e gran scandalo delle potenze occidentali. Due Stati. Due bandiere che differiscono di una sola tinta nel tricolore. Da una parte Napoleone III, dall’altra Vittorio Emanuele II. Nel mezzo: Virginia. Più conosciuta come la fiorentina Contessa di Castiglione, la più bella d’Europa. Non solo spia d’eccellenza incaricata di un compito segretissimo, ma prima di tutto donna imprevedibile e ambiziosa, straordinariamente avanti coi tempi; colta e intelligente, seppe sfruttare con scaltrezza la propria immagine, anche su pellicola fotografica, per entrare senza bisogno di presentazione nei circoli più illustri dell’800. Una donna che usò magistralmente il corpo e la sua seduzione come arma a servizio di uno Stato, non da semplice “cortigiana” ma da sedicente imperatrice ed esalò l’ultimo respiro ringhiando contro la solitudine di donna abbandonata al tramonto del suo secolo, che insegue l’unico sogno rimastole: quello di non cadere nell’ oblio, di rimanere impressa nella storia d’Italia, come fotografia che forse ingiallisce, di bellezza sfiorisce, ma pur sempre conferisce eternità ad un istante..quell’istante che durò mezz’ora a Compiegne e che la rese Virginia che fece l’Italia.

_________

24-25-26-27-28  LUGLIO – ore 21.30

SIGNORI, IL DELITTO E’ SERVITO

di Jonathan Lynn  Regia  Riccardo Giannini

con: Eleonora Cappelletti, Giada Medicheschi, Marina Melani , Marcello Sbigoli, Simone Petri, Stefano Carotenuto, Simone Marzola, Iacopo Biagioni.

In seguito ad un bizzarro invito, un gruppo di persone assolutamente ignote l’una all’altra si incontra per una cena in un’ elegante villa. Accolti da un efficiente maggiordomo, Wadsworth, siedono a tavola: la moglie del Senatore Peacock, la vedova White, il prof. Plum (uno psicologo in servizio presso l’ONU), un funzionario statale (Mr. Green), il colonnello Mustard e Miss Scarlet (proprietaria e direttrice di un’organizzazione di ragazze-squillo). In realtà, un legame involontario e comunque oscuro tra gli ospiti esiste…

________

Orario ingresso Villa Gerini dalle ore 20.30

Biglietto 14 euro intero – 12 euro ridotto (sotto i 25 anni)

10 euro gruppi oltre 10 persone.

Possibilità di cena presso Ristorante Aqaba

(chi presenta il biglietto del nostro spettacolo al ristorante ha diritto allo sconto del 15% sul menù alla carta)

 

Info e prenotazioni:

347 5768067 – info@nexustudio.it – www.nexustudio.it
Facebook – Twitter
ASC NEXUS STUDIO – Via Rismondo 14 – 50131 FIRENZE